olio di oliva e aterosclerosi

L’olio di oliva: elemento fondamentale per combattere l’aterosclerosi

L’aterosclerosi è una delle malattie più diffuse nei paesi industrializzati, nei quali rappresenta la principale causa di morte. Il rischio di ammalarsi è più o meno lo stesso per gli uomini americani e finlandesi, mentre è molto più basso per gli uomini mediterranei che, tra i grassi consumati, includono un alto percento di olio di oliva.

Accanto ad elementi di predisposizione genetica, esistono numerosi fattori di rischio che concorrono all’instaurarsi e/o all’aggravarsi della lesione: il fumo, l’ipertensione e l’ipercolesterolomia. Devono segnalarsi anche l‘età, il sesso, il diabete, la gotta, l’ipertrigliceridemia, i contracettivi orali e l’inattività fisica. Il colesterolo appartiene al gruppo degli steroli ed è un lipido abbondante nei tessuti animali, insolubile in acqua e solubile nei solventi organici. Forma parte delle membrane cellulari e costituisce, in molti casi, un complesso stabile con i fosfolipidi. Serve di base all’organismo per la sintesi di altri steroidi che intervengono in importanti processi, come la formazione di acidi biliari che emulsionano i grassi degli alimenti per assorbirli con l’epitelio intestinale.

Si è poi dimostrato che non tutto il colesterolo plasmatico è aterogeno, ma solo quello legato alle lipoproteine a bassa densità ed in particolare quello legato alle LDL, mentre la frazione del colesterolo legata alle lipoproteine ad alta densità HDL sembra avere un significato protettivo in quanto queste lipoproteine hanno il compito di rimuovere il colesterolo libero dalle cellule, esterificarlo e trasportarlo al fegato da dove viene allontanato con la bile.

Numerosi studi hanno confermato l’esistenza di una correlazione negativa tra la malattia aterosclerotica ed i livelli plasmatici delle HDL che sono stati invece positivamente correlati con una più lunga speranza di vita. Uno studio comparativo sui decessi causati dalle malattie coronariche su 10000 soggetti di sesso maschile con livelli plasmatici di colesterolo uguali, il rischio di ammalare è più o meno lo stesso per gli uomini americani e finlandesi, mentre è molto più basso per gli uomini mediterranei che, tra i grassi consumati, includono un alto percento di olio di oliva. Gli oli vegetali ricchi di acidi grassi polinsaturi consumati in eccesso sono facilmente perossidabili e, per questo motivo possono diventare essi stessi aterogeni. La perossidazione lipidica rappresenta infatti una possibile causa di lesione endoteliale e di iperaggregabilità piastrinica.

Sembra ragionevole concludere segnalando che nella prevenzione della malattia aterosclerotica si dovrà provvedere come prima cosa alla riduzione dei grassi animali, visibili ed invisibili, e quindi alla loro sostituzione con olio d’oliva, ricco in monoinsaturi, ma contenente anche un’equilibrata quantità di polinsaturi adeguatamente protetta dagli antiossidanti, come l’alfa-locoferolo e i polifenoli. Questa impostazione dietetica, confermata da indagini sperimentali ed epidemiologiche, consentirà di realizzare una razionale profilassi ed ottenere un soddisfacente controllo del colesterolo plasmatico, senza incorrere nel rischio di effetti collaterali indesiderabili.

Vuoi sentire il profumo dell'olio fresco appena franto?

Confezionato in frantoio per sentire l'intenso profumo di fresco. Sempre.
Olio Cristofaro: presente nella guida internazionale FLOS OLEI 2018. Classificato come uno dei migliori extravergine nel mondo

Altri articoli che ti potrebbero interessare

Come curare la salute delle orecchie con l’olio d’oliva Olio d'oliva non solo per condire con gusto insalate e pietanze tipiche,  ma anche per mantenere in buona salute le nostre orecchie. Del resto non è u...
I 5 composti dell’olio extravergine d’oliva contro il cancro Sempre più spesso le ricerche scientifiche mettono in primo piano i vantaggi di un'alimentazione sana, utile a prevenire numerose patologie e tra ques...
L’Olio Extravergine d’Oliva ha una scadenza? L'Olio Extra Vergine ha un tempo minimo di conservazione, ovvero un periodo di tempo nel quale le sue proprietà organolettiche, che sono quelle da cui...
L’olio extra vergine contro il cancro al seno L' olio extra vergine di oliva, un ingrediente che usiamo nella cucina di ogni giorno potrebbe essere la chiave di svolta per eliminare il gene del ca...
Grassi, Vitamine e Trigliceridi: gli elementi nutrizionali dell’olio extravergine di... I grassi, o lipidi, sono nutrienti indispensabili per l'uomo rappresentando la forma alimentare più concentrata d'energia (circa 9 cal/g) e fornendo a...
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *