Combattere la depressione con l’Olio Extravergine di Oliva

La depressione è una malattia che oggi interessa oltre 150 milioni di persone in tutto il mondo e rappresenta uno delle maggiori preoccupazioni di salute della nostra società. In Italia circa otto milioni di persone soffrono di disturbi depressivi. Alcuni studi condotti hanno portato in luce qualcosa di veramente incredibile; di cosa si tratta? L’Olio Evo è un antidepressivo naturale! Ma vediamo come si clonano insieme questi fattori e cosa fa dell’Olio di Oliva uno dei principali alimenti contro la depressione.

OlioEvo: un antidepressivo completamente naturale

Uno studio, divulgato in un articolo su PLOS ONE, di un gruppo di studiosi guidati da Miguel Angel Martínez-Gonzalez, professore diMedicina Preventiva all’Università di Navarra (Spagna), ha nettamente criticato il consumo dei grassi trans, mentre al contrario i grassi polinsaturi, abbondanti negli oli vegetali e di pesce, e l’olio di oliva proteggono dalla depressione. 

“Abbiamoscoperto che questo tipo di grassi sani, insieme all’olio di oliva, sonoassociati a un minor rischio di sviluppo della depressione”,spiega Martínez-Gonzalez.

La ricerca è stata condotta su 12.000volontari per un periodo di 6 anni. Sono state raccolte informazioni sua bitudini alimentari, stile di vita e salute fisica e mentale. Gli autori dello studio  hanno confrontato due gruppi di volontari. Il primo gruppo consumava regolarmente  grassi trans nella dieta. Il secondo gruppo era costituito da individui il  la cui dieta contemplava principalmente olio d’oliva. La quantità di grassi trans consumati con la dieta è stata correlata ad un piu’ alto rischio di depressione. I  consumatori di grassi trans hanno mostrato un rischio maggiore del 48 % di ammalarsi di depressione.

In questa ricerca è emerso che: il cibo spazzatura dove sono presenti questi grassi trans utilizzati per la produzione di molti prodotti industriali dolciari e da forno e nei cibi da fast food ampliano il rischio di sviluppo della depressione fino al 48%.

Lo studio prova la teoria che vede una maggiore rilevanza della malattia nei Paesi del Nord Europa rispetto ai Paesi in cui domina un modello alimentare mediterraneo proprio perché sulle tavole di chi mangia piatti della dieta mediterranea viene utilizzato quasi esclusivamente solo olio di oliva, e che negli ultimi anni l’incidenza della malattia è aumentata.
Secondo una stima dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, nel 2020 la depressione sarà la malattia più diffusa nel mondo.

Questa intrigante ricerca, rende ancora più prezioso ciò che gli esperti dico: consumare olio di oliva ma non uno qualsiasi, Olio Extravergine di Oliva.

Male sue virtù sono veramente tante, infatti, proprio nell’ultimo convegno Olio e Salute, svoltosi ad Arezzo, è stato evidenziato dagli esperti l’importanza dell’olio d’oliva all’interno del quadro di un’alimentazione equilibrata che prevenire la manifestazione di malattie gravi come i tumori, il diabete e le varie patologie cardiovascolari.

L’olio extravergine di oliva contiene fondamentali elementi:

  • acido oleico
  • polifenoli
  • vitamine

in grado di influenzare in modo positivo vari processi metabolici dell’organismo, è anche definito alimento nutraceutico cioè che gode di proprietà che sono al di sopra di altri alimenti ma soprattutto è in grado di approvare dei meccanismi che producono un beneficio alla salute.

In questi anni, in molteplici studi pubblicati su prestigiose riviste scientifiche, hanno avvalorato che il principale elemento benefico dell’olio di oliva è rappresentato dai fenoli, sostanze antiossidanti di cui l’olio di oliva è molto ricco, queste sostanze aiutano le nostre cellule a salvaguardarci dai danni dell’ossidazione, anticipando così l’aterosclerosi e le lesioni del Dna.

In questi studi è stato largamente provato che circa un terzo dei tumori è causato dagli alimenti e che la dieta mediterranea, di cui l’olio extravergine di oliva è principe, fortifica le difese immunitarie e svolge un’azione protettiva sulla manifestazione di patologie tumorali.

Dieta mediterranea: il segreto per allontanare la depressione

Nella dieta mediterranea c’è il segreto per tenere distante la depressione: gli alimenti tipici di questo regime alimentare, come frutta, verdura, olio di oliva e noci, sono in grado di ostacolare il processo infiammatorio dell’intestino e di conseguenza garantire la nostra salute mentale. Le diete ricchi di grassi saturi invece hanno l’effetto opposto.

La dieta mediterranea combatte la depressione, gli alimenti tipici di questo regime alimentare infatti disinfiammano il corpo schivando le reazioni che possono contrastare il nostro buon umore. Questo è quanto sostengono i ricercatori dello University College London che hanno analizzato alcuni studi passati e hanno poi confrontato i dati relativi a diete più ricche di frutta e verdura, riguardo ad altre piene di grassi saturi e zuccheri. Ma vediamo nel dettaglio i vantaggi della dieta mediterranea.

Cibo e umore due parole legate tra di loro. Gli esperti spiegano che ormai è palese il rapporto che c’è tra la qualità della dieta che seguiamo e la nostra salute mentale. Si tratta di vantaggi che vanno oltre le conseguenze sul nostro peso o altri aspetti che possono influenzarne l’umore.

Per comprendere però quali alimenti consigliare alle persone, gli esperti hanno raccolto 41 studi già pubblicati e tra questi ne hanno trovato 4 qualificati proprio nella relazione tra dieta mediterranea e depressione. Sui 36.556 individui presi in considerazione, è emerso che la nostra dieta è a tutti gli effetti in grado di ridurre del 33% il rischio di sviluppare la depressione, rispetto a coloro che invece seguono un altro regime alimentare.

L’Olio Evo è uno degli alimenti più completi: ottimo per i nostri condimenti, buonissimo su qualsiasi piatto volessimo usarlo e poi ha proprietà salutistiche e mediche. Cosa ne pensi di questo principe mondiale? Raccontacelo!

A cura di Anna Angeloro.
Appassionata di scrittura, laureata in lettere e beni culturali.
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *