Perché scegliere un olio extravergine di oliva biologico?

L’olio extravergine di oliva biologico è la migliore scelta per condire i piatti perché è un prodotto sano in grado di portare benefici all’organismo.

Olio extravergine d’oliva biologico: qualità organolettiche

L’olio extravergine di oliva può essere definito biologico se proviene dalla macinatura di olive autoctone e coltivate senza l’uso di pesticidi e concimi. La lavorazione deve avvenire seguendo determinate procedure, in particolare deve essere limitato al minimo l’uso di macchinari, anche per la raccolta, e devono essere frante con macine o molazze, quindi con processo a freddo. In questo modo non vengono alterate le proprietà organolettiche dell’olio, mantenute intatte solo nei prodotti biologici. L’olio extravergine d’oliva biologico al palato deve essere un po’ piccante e lasciare note amare gradevoli, segno che è ricco di polifenoli antiossidanti. Alla vista il colore dipende dalla specie delle olive e dalla maturazione, ma l’olio deve apparire puro, cioè in controluce non devono essere apprezzati residui e depositi eccessivi. L’odore, invece, deve essere fruttato. Un buon olio extravergine di oliva bio, mantenendo tutte le qualità organolettiche, svolge un’importante azione antinvecchiamento dovuta anche alla particolare ricchezza di vitamina E e ai carotenoidi che contrastano i radicali liberi. Tra le proprietà dell’olio extravergine di oliva c’è anche la regolarizzazione della pressione sanguigna, contribuisce alla funzionalità dell’apparato gastro-digerente, inoltre ha una funzione protettiva da alcune forme tumorali, mantiene basso il livello di glicemia e aumenta il livello di colesterolo buono. Tra i migliori prodotti in Italia vi è l’olio biologico della Puglia, e in particolare della zona del foggiano che vanta piante secolari in grado di conferire un gusto unico all’olio prodotto.

Olio biologico pugliese: meglio quello di Peranzana

Tra le varietà di oliva che producono un olio extravergine di oliva biologico di qualità eccellente vi sono le olive di Peranzana: una varietà coltivata nella zona dell’alto tavoliere delle Puglie. La Peranzana è un’oliva importata nella metà del settecento da Raimondo De Sangro, principe di San Severo, direttamente dalla Francia e in particolare dalla Provenza, da cui il nome. L’olio biologico della Puglia è considerato tra i migliori anche grazie alla conformazione del territorio che assicura il clima ideale, inoltre la profonda conoscenza delle tecniche di coltivazione e spremitura lo rende molto ricercato. Si tratta di un’oliva, che può essere consumata anche a tavola come antipasto, da cui si estrae un olio a bassissima acidità, di colore verde smeraldo e con un gusto molto equilibrato, ma deciso, adatto a palati molto esigenti. L’olio extravergine Peranzana è adatto a diversi tipi di preparazione, ma in particolare per essere consumato a crudo, quindi per condire insalate, paste fredde, grigliate di verdure, carni, pesce o per realizzare conserve sott’olio. Il sapore equilibrato dell’olio extravergine di Peranzana permette di usarlo appena dopo la molitura, quindi senza bisogno di un periodo di maturazione e senza doverlo miscelare con altri oli. Ha un alto contenuto di clorofilla e carotene che lo rendono pregiato anche dal punto di vista nutrizionale.

Vuoi sentire il profumo dell'olio fresco appena franto?

Confezionato in frantoio per sentire l'intenso profumo di fresco. Sempre.
Olio Cristofaro: presente nella guida internazionale FLOS OLEI 2018. Classificato come uno dei migliori extravergine nel mondo

Altri articoli che ti potrebbero interessare

I pregi, i difetti e le alterazioni dell’olio extravergine d’oliva La qualità dell'olio d'oliva è condizionata dall'insieme dei parametri che caratterizzano difetti e alterazioni. Le sue caratteristiche organolettiche...
La produzione mondiale dell’olio extra vergine di oliva Così arrivano ogni anno 2-300 mila tonnellate di olio di oliva straniero (da Grecia e Spagna ma anche da Tunisia, Turchia, Marocco) spesso riciclato c...
Olio biologico: cos’è e quali sono gli standard di produzione? Scegliere un olio extravergine biologico di origine 100% italiana significa sostenere i produttori locali, l’economia della tua terra, e soprattuto sc...
Una nicchia di mercato: l’olio extravergine d’oliva da agricoltura biologica L'Italia rappresenta il più importante Paese europeo nel segmento bio, con una superficie coltivata di circa 790 mila ettari mentre la Puglia è tra le...
Olio extravergine d’oliva biologico: alimento indispensabile per neonati e bambini L’olio extravergine di oliva biologico non è solo un condimento delizioso ma un vero e proprio alimento, fondamentale per la corretta alimentazione d...
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *