Friselline all’Olio Evo per uno snack tutto pugliese!

Le friselline all’olio di oliva sono un gustosissimo snack da mangiare quando vuoi. Dalla colazione alla merenda, dal pranzo alla cena. Ma anche come antipasto servito con un filo d’olio extravergine di oliva, dei pomodorini e delle olive nere. Vediamo come realizzare svariate ricette che hanno come ingrediente principe, l’Olio Evo.

Friabili e leggerissimi, le friselline pugliesi sono simili, per forma e cottura, alle tradizionali frise pugliesi. La differenza sostanziale sta nella grandezza e nel poterle gustare anche senza bagnarle.
Regalano sapori che ci ricordano l’infanzia. L’inconfondibile aroma di Olio Extravergine di Oliva ci riporta alla nostra terra, ai sapori, agli odori ma soprattutto ai colori tra il verde ed il giallo.

Friselline all’Olio di Oliva: ricetta tradizionale

Ingredienti

  • 500 g di semola rimacinata di grano duro
  • 250 g di acqua tiepida
  • 100 g di olio d’oliva
  • 15 g di sale fino
  • 5 g di lievito di birra fresco (o 3 g di lievito di birra disidratato)

Procedimento

  1. All’interno di una ciotola inserire 80gr di semola rimacinata, 100gr di acqua ed il lievito di birra
  2. Mescolare in modo che l’impasto finale sia omogeneo, privo di grumi e morbido
  3. Coprire il tutto con un canovaccio e lasciar lievitare il tutto per un’ora circa fin quando il composto non è raddoppiato in volume
  4. Quando l’impasto è lievitato, versarlo in una ciotola più capiente in modo da poterci aggiungere la restante semola rimacinata e acqua.
  5. Aggiungere al composto precedente il sale e l’olio di oliva
  6. È l’ora di usare le nostre mani per impastare il tutto
  7. Coprire l’impasto, lasciarlo lievitare per circa un’ora (fino a quando il volume non sarà raddoppiato)
  8. Passato il tempo necessario, stendere l’impasto su una spianatoia e lavorarlo, stendendolo, fino a raggiungere lo spessore di 3mm
  9. Con una rondella, tagliare l’impasto a striscioline (nel senso della larghezza)
  10. Divide le striscioline in due e arrotolarla su se stessa in modo fa formare una girella
  11. Una volta realizzate tutte le rondelle, lasciarla lievitare
  12. Dopo la lievitazione, in una pirofila da forno disporle una vicino all’altra e cuocerle a 200° in forno preriscaldato per 30min
  13. Dopo mezz’ora, sfornarle, lasciarle raffreddare e tagliarle a metà per poi infornarle nuovamente a 160° per 20min fino a quando non saranno asciutte e friabili

Friselline all’Olio Evo e Birra

Ingredienti

  • 330 g Birra (a temperatura ambiente)
  • 330 g Latte (a temperatura ambiente)
  • 330 g Olio Di Oliva
  • 25 g Lievito Di Birra Fresco
  • 25 g Sale Fino
  • q.b. Farina 00

Procedimento

  1. Sciogliere il lievito nel latte a temperatura ambiente
  2. In una ciotola inserire la birra, il latte con il lievito sciolto, l’olio di oliva ed iniziare ad impastare aggiungendo poco alla colta 600gr circa di farina
  3. Aggiungere, man mano che l’impasto inizia a prendere forma, il sale e altra farina
  4. Aggiungere la farina fin quando l’impasto non risulterà più appiccicoso ma morbido.
  5. Lasciar riposare l’impasto per 15 minuti circa
  6. Iniziare a creare dei cordoncini lunghi circa 10cm con un diametro di 3cm e chiudiamo le estremità così da formare un tarallo
  7. Ricorprie la teglia con della cata forno ed adagiare le friselline su di esso
  8. Lasciar riposare fin quando non raggiungono il doppio del volume inziale
  9. Accendere il forno a 200° e lasciarlo riscaldare
  10. Una volta raggiunta la temperatura desiderata, infornare le friselle per circa 10min
  11. Trascorso il tempo previsto e dopo averli sfornati, abbassare la temperatura del forno a 160°
  12. È il momento di tagliare a metà le friselline d infornarle nuovamente
  13. 20 minuti dopo, le nostre friselline sono pronte per essere servite e mangiate!

Ed ecco una ricetta gustosa da servire come più vi piace. Con salse particolare, con dell’ottimo pomodoro e olio di oliva oppure intingerlo nel limoncello e colorare le vostre papille gustative di sapori meravigliosi.

Realizza una di queste ricette e raccontaci la tua esperienza!

A cura di Anna Angeloro.
Appassionata di scrittura, laureata in lettere e beni culturali.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *