da cosa dipende la qualità dell'olio extravergine di oliva

La qualità dell’olio: ecco le 9 domande dei consumatori

Sempre più il consumatore si pone domande per chiarire alcuni dubbi sull’olio di oliva e sui fattori determinanti della sua qualità. Ecco un raccolta di domande.

Vuoi sentire il profumo dell'olio fresco appena franto?

OLIO CRISTOFARO: confezionato in frantoio per sentire l'intenso profumo di fresco. Sempre.


Lino Prezioso esegue analisi su campioni di Olio d’Oliva e spiega che la scienza definisce quali parametri determinano la qualità dell’olio. Condizioni climatiche, mosca olearia e altre aggressioni alle olive possono pregiudicare la qualità dell’olio! Video offerto da Agricolturaoggi.

La raccolta e il grado di maturazione delle olive sono fattori determinanti per la qualità di un olio?

Anticipare o ritardare la raccolta delle olive è determinante per la definizione delle caratteristiche organolettiche di un olio. Raccogliendo le olive a maturazione iniziale, si otterrà un olio dal fruttato più o meno intenso, con note di amaro e piccante più marcate; raccogliendo invece olive mature, si otterrà un olio meno fruttato, mandorlato e tendenzialmente dolce. Da olive troppo mature si ottengono invece oli poco fragranti, e spesso si riscontra la presenza di difetti. Certamente il periodo migliore per ottenere un olio di qualità è quello dell’invaiatura, cioè il momento in cui le olive cambiano colorazione da verde a rosso o nero.

Il colore dell’olio determina la qualità del prodotto?

Il colore di un olio dipende esclusivamente dalla varietà, dal grado di maturazione delle olive e dal processo di estrazione. In relazione a questo, avremo oli più tendenti al verde intenso o al giallo dorato. Il colore dell’olio è indice di alterazione soltanto in presenza di riflessi anomali o rossastri. Questo fenomeno è indicazione di una conservazione non ottimale, in quanto l’olio potrebbe essere stato sottoposto a una fonte di calore o alla luce diretta.

L’olio extravergine è più grasso dell’olio di semi?

Tutti gli oli vegetali hanno lo stesso apporto calorico. E’ vero che il burro è meno calorico dell’olio, perché contiene acqua. L’olio extravergine di oliva non fa ingrassare più dell’olio di semi, al contrario, essendo più saporito ne basta una minor quantità, consentendo un risparmio ed avendo una maggiore soddisfazione al gusto. Anche gli oli commercializzati come “light” non sono dietetici. Sono oli più chiari perché contengono una bassissima percentuale di extravergine, ma l’apporto calorico è lo stesso di tutti gli altri oli vegetali.

Il sistema migliore di estrazione dell’olio è quello tradizionale per pressione?

Sia il sistema tradizionale per pressione che il frantoio moderno a ciclo continuo, possono essere ottimi metodi di estrazione, a meno che vengano rispettate le buone pratiche di lavorazione. L’olio del frantoio tradizionale viene spesso considerato dal consumatore come più genuino perché l’immagine delle molazze evoca nell’immaginario collettivo l’idea di una tradizione antica. Questo tipo di frantoio, rispetto ai moderni sistemi di estrazione, richiede un’attenzione particolare alle condizioni igieniche, che talvolta possono deteriorare la qualità del prodotto.

L’extravergine italiano è il migliore del mondo?

La qualità non è legata al territorio ma dipende dal rispetto della filiera o da tutte le buone norme di raccolta, conservazione ed estrazione delle olive. In ogni parte del mondo è quindi possibile ottenere un olio di qualità. Una freccia da scoccare in onore dell’Italia è la grande ricchezza di cultivar che nessun altro paese ha; si parla infatti di circa 600 varietà di olive diverse.

L’olio spremuto a freddo è una tipologia particolare?

La legge stabilisce che per mantenere in etichetta la dicitura estratto a freddo deve essere mantenuta la temperatura massima di 27 gradi. Comunque, se pressiamo “a freddo” delle olive scadenti, avremo un olio extra vergine di oliva ottenuto con “spremitura a freddo” ma sicuramente di scarsa qualità.

Gli oli Dop offrono elevate garanzie di qualità?

Gli oli Dop garantiscono la tipicità dichiarata in etichetta perché ogni Dop fa riferimento a un disciplinare di legge specifico legato al territorio. Inoltre, prima di essere imbottigliati, subiscono un controllo dai laboratori preposti, sia di tipo organolettico che analitico.

L’olio NON va consumato appena franto?

L’olio è un prodotto che consumato appena franto ha caratteristiche organolettiche superiori. Poi nel corso della sua vita un olio perde i principali pregi organolettici, ma se vengono mantenute le corrette condizioni di conservazione, si limita la perdita delle principali caratteristiche organolettiche.

Un olio che “pizzica in gola” ha un’acidità alta?

L’acidità dell’olio non è percepibile al gusto, ma si può determinare solo con le analisi analitiche in laboratorio. Il piccante è una caratteristica positiva dell’olio in quanto connessa alla presenza di sostanze antiossidanti positive per la salute; la sua intensità dipende essenzialmente dalla cultivar, dall’epoca di maturazione e dal sistema di estrazione.

Altri articoli che ti potrebbero interessare

Come filtrare in casa l’olio di oliva? Comprare l'olio extravergine al supermercato? Certo, ma si corre sempre il rischio di acquistare un olio non di buona qualità e di dubbia provenienza....
Cos’è l’olio “raffinato” e cosa portiamo veramente a tavola? L'olio extravergine d'oliva è uno dei capisaldi su cui di fonda la dieta mediterranea. Questo prodotto di eccellenza, oltre che apportare importanti b...
Il congelamento dell’olio: è indice di buona qualità? E cosa accade quando lo sconge... Quanti vorrebbero preservare le qualità organolettiche dell'olio appena franto? Sentire quell'odore di olive appena frante, unito al sapore pungente d...
Supermercato o frantoio? Ecco alcuni consigli sull’acquisto dell’olio extraver... Scegliere un olio extravergine di qualità ti sembra una sfida impossibile? Non possiamo darti torto, sono tanti i fattori da tenere in considerazione....
Olio denocciolato: come si ottiene e quali sono le sue proprietà? La produzione di olio denocciolato è molto antica e veniva eseguita mediante la molitura delle olive già prive di nocciolo. Questo olio vanta delle pr...
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *