olio pugliese confezionato in frantoio

Alcuni consigli su come conservare l’olio acquistato in frantoio

E’ ormai buona consuetudine rifornirsi in frantoio, acquistando ad esempio in formati scorta da 5 litri. L’olio confezionato in frantoio, appena dopo la spremitura, fa si che vengano conservate le sue proprietà anche dopo mesi dall’acquisto. Ma come bisogna comportarsi per preservarne l’integrità?

Vuoi sentire il profumo dell'olio fresco appena franto?

OLIO CRISTOFARO: confezionato in frantoio per sentire l'intenso profumo di fresco. Sempre.

Se hai avuto la fortuna di acquistare un olio confezionato direttamente in frantoio, ti starai chiedendo come conservarlo correttamente per mantenere nel tempo le caratteristiche sensoriali e nutrizionali dell’olio appena franto, esattamente uguali al giorno in cui lo hai acquistato.

Partiamo da una considerazione:
un olio confezionato in frantoio, appena dopo la spremitura, fa si che gli aromi e il profumo rimangono imprigionati nella lattina nel momento in cui la latta viene chiusa ermeticamente. Ecco perchè, se deciderai di consumare l’olio alcuni mesi dopo l’acquisto, all’apertura della latta noterai che verranno sprigionati gli stessi aromi dell’olio degustato il primo giorno in cui lo hai acquistato.

Per mantenere queste caratteristiche, è necessario però seguire qualche accorgimento. Bisogna avere l’accortezza, ad esempio, che l’olio NON entri in contatto con l’aria per evitare processi di ossidazione, causa principale di inacidimento e di perdita della carica polifenolica (la sostanza salutare che determina anche l’amaro e il piccante dell’olio).

Quindi, se hai aperto una lattina perchè hai deciso di “travasare” il tuo olio in bottiglie, allora è consigliabile travasare completamente l’olio dalla lattina. Questo per evitare che una latta a metà entri in contatto con l’aria, il vero e unico nemico dell’integrità dell’olio.
Se non hai necessità di travasare, lascia l’olio nelle lattine così come le hai acquistate (a meno che la latta non abbia subito grossi danni causati dal trasporto).

E’ inutile aggiungere che l’olio (in latta o bottiglia) va conservato in un luogo asciutto, al buio e lontano da fonti di calore.

Mi auguro di averti lasciato qualche buon consiglio.

Articolo scritto da Giuseppe Cristofaro, produttore Olio Cristofaro

Altri articoli che ti potrebbero interessare

Da cosa dipendono le alterazioni e i difetti dell’olio extravergine di oliva? La qualità dell’olio che si ricava dall’oliva può essere fortemente penalizzata dalle condizioni di conservazione della materia prima. Questa risulter...
Densità dell’olio extravergine: da cosa dipende? Quando si parla delle caratteristiche principali dell'olio extravergine d'oliva, non si può prescindere da una delle sue principali peculiarità: la de...
L’acido linoleico: un grasso insaturo presente nell’olio di oliva L'olio d'oliva vanta importanti proprietà nutrizionali in grado di apportare numerosi benefici per l'organismo, in particolare grazie al contenuto di ...
Perchè l’olio di oliva diventa torbido? L'olio d'oliva a volte può avere un aspetto torbido. Questo non vuol dire che non sia di buona qualità, anzi, questo suo aspetto garantisce la sua bon...
Qual’è la differenza tra olio extravergine di oliva e olio lampante? Se i difetti qualitativi sono marcati e l’acidità supera il 2%, l’olio viene declassato come lampante e acquisisce la denigratoria etichetta che, prop...
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *