,

L’olio extravergine di oliva fa ingrassare?

Olio extravergine d'oliva non fa ingrassare
Mangia sano. Prenota l'olio nuovo 2018 in frantoio

PRENOTA ORA

Nessun pagamento anticipato, prezzo bloccato e spedizione GRATIS!
Olio Pugliese confezionato in frantoio. Per sentire l'intenso profumo di fresco. Sempre.

Il tempo passa e il dubbio rimane: in moltissimi credono ancora che l’olio di oliva, specie se crudo, faccia ingrassare. Il National Obesity Forum e il Public Health Collaboration specificano però che “mangiare grasso non significa diventare grassi”.
Scopri perché!


Prof. Franco Berrino, esperto di sana alimentazione, in questo interessante video rivela che non sono i grassi che fanno ingrassare ma le proteine, in particolare quelle animali.

Olio d’oliva, il grasso che non ingrassa

Secondo il noto nutrizionista Publio Viola, presidente della sezione medico nutrizionale dell’Accademia Nazionale dell’Olivo e dell’Olio di Spoleto “i grassi sono indispensabili per il nostro organismo non solo come fonte energetica, ma anche per il loro ruolo strutturale nelle membrane biologiche, nelle lipoproteine, nella pelle, nel sistema nervoso e nella retina”.
I grassi, ed in particolare l’olio extravergine può essere considerato quindi alla stregua di un medicinale tanti sono i suoi effetti benefici e salutari per il nostro organismo.

Olio di oliva: ecco perché fa bene alla tua salute

L’olio d’oliva “presenta una composizione acidità equilibrata, con un adeguato contenuto in polinsaturi, un corretto rapporto ω-6/ω-3, una quantità limitata di saturi ed una ricchezza in monoinsaturi” continua il Professor Viola.
È bene precisare che i grassi polinsaturi, in particolare ω-3 (omega 3) e monoinsaturi unitamente all’acido oleico sono presenti in grandi quantità nell’olio di oliva e sono particolarmente salutari per il nostro organismo e ottimi per tenere sotto controllo i livelli del cosiddetto colesterolo “cattivo” (LDL) nel sangue.
Gli effetti benefici dell’olio di oliva sono determinati poi anche dalla presenza di agenti antiossidanti, sostanze cioè che prevengono l’azione dei radicali liberi proteggendo l’organismo contro le malattie cronico-degenerative ed il processo di invecchiamento.
I grassi animali non contengono antiossidanti e non sono quindi in grado di far fronte ai radicali liberi, ecco perché è preferibile l’olio di oliva ai grassi animali!

Ma quanto olio di oliva bisogna consumare per non ingrassare?

Gli esperti consigliano di consumare 3 o 4 cucchiai al giorno, all’incirca circa 40 grammi di prodotto.
Come per tutti gli alimenti la regola d’oro è sempre una: non abusare!

Sei ancora convito che l’olio di oliva faccia male?
Raccontaci i tuoi dubbi!

A cura di Dajana Mangherini, laureata in scienze della mediazione linguistica per il marketing, la pubblicità e le relazioni pubbliche.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla newsletters

Altri articoli che ti potrebbero interessare

Tocoferoli dell’olio di oliva: cosa sono e quali benefici apportano? I tocoferoli, comunemente conosciuti come Vitamina E, sono un antiossidante naturale, prevengono malattie cardiovascolari, da stress ossidativo e cons...
Perché usare l’olio extravergine di oliva al posto del burro? I due condimenti più utilizzati per condire, insaporire le pietanze sono il burro e l'olio extravergine di oliva. L'uno di origine animale, l'altro di...
L’olio di oliva: significato, simbologia dei sogni e superstizioni Sin dai tempi antichi l’olio era considerato un alimento molto prezioso e soprattutto “faticato” visto che per produrlo si facevano numerosi sacrifici...
Olio Evo nella dieta Vegana: come e quanto assumerne! Tutti ci siamo sempre chiesti di cosa è composta la dieta di un vegano. Cosa scartare o cosa mantenere in un semplicissimo piatto di pasta, di insalat...
Come utilizzare l’olio extra vergine di oliva in cucina? L'affermazione della "dieta mediterranea" quale regime alimentare in grado di prevenire malattie tipiche della società industrializzare quali: obesità...
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *