cosa sono i pallini bianchi nell'olio?

Macchie bianche nell’olio? Ecco da cosa sono causate!

Potrebbe capitare di acquistare olio presso un produttore o frantoio e di notare la presenza di inquietanti macchie bianche nella bottiglia. Da cosa sono causate?

Nel periodo invernale, se conservato in luogo freddo, l’olio potrebbe congelare. Il congelamento causa inevitabilmente la presenza di macchie bianche visibili sul fondo della bottiglia e intorno alla bottiglia, fino a ridursi salendo verso l’alto. Il fenomeno potrebbe essere più evidente per oli non filtrati, ma in realtà si presenta per qualsiaisi tipologia di olio.

Perchè il freddo genera macchie bianche?

Se l’olio ha subito un congelamento, nella bottiglia si vedono dei pallini bianchi in sospensione. La presenza di macchie bianche non classifica l’olio come avariato, ma il prodotto ha subìto solo un processo innescato da un repentino sbalzo di temperatura.

Sappiamo, infatti, che l’olio è composto da acidi grassi. Sotto i 5\6 gradi la parte di acidi grassi si scompone, ma le varie parti vengono riequilibrate quando la temperatura ritorna normale. Le tracce bianche che si formano nel vetro sono di acido palmitico e stearico che rappresentano la parte “solida” dell’olio. Se lo sbalzo di temperatura è rapido, congela più rapidamente e se le bottiglie rimangono esposte a lungo sotto lo zero, i “pallini” sono più resistenti e si sciolgono lentamente.

Come eliminare le macchie bianche?

Nulla di preoccupante quindi. Il “NON” problema si risolve conservando l’olio a temperatura ambiente. Non serve riscaldarlo, anzi bisogna evitare queste soluzioni drastiche! Ricordiamo che per una corretta conservazione, l’olio deve essere conservato in ambiente tra i 13°C e i 18°C.

Bisogna sapere che il test del congelamento dell’olio rappresenta una delle prove per verificare che l’olio sia un vero extravergine.

Concludendo, l’olio in condizioni di congelamente genera macchie bianche ma non varia le sue prerogative.

Vuoi sentire il profumo dell'olio fresco appena franto?

Confezionato in frantoio per sentire l'intenso profumo di fresco. Sempre.
Olio Cristofaro: presente nella guida internazionale FLOS OLEI 2018. Classificato come uno dei migliori extravergine nel mondo

Altri articoli che ti potrebbero interessare

Quali sono i fattori che influiscono sulla qualità degli oli di oliva? Per ottenere un olio extra vergine d’oliva con caratteristiche di qualità è necessario che tutte le operazioni, sia in fase di coltivazione dell’olio ...
Perché l’olio diventa giallo? L’olio extravergine di oliva è conosciuto anche come”oro verde” del mediterraneo. Squisito ed estremamente benefico per l’organismo, l’olio di oliva h...
Cosa sono i perossidi dell’olio di oliva? I perossidi sono delle sostanze presenti nell'olio di oliva: la loro quantità svolge un ruolo fondamentale poiché determina la qualità di un prodotto ...
Cosa è il punto di fumo dell’olio? Il punto di fumo indica il grado di temperatura in cui il grasso contenuto negli alimenti inizia a decomporsi. Per questo motivo è importante capire c...
Perchè l’olio congela? Molto spesso capita di acquistare nel periodo autunno-inverno l'olio appena franto (magari presso un fratoiio) e, se conservato in un luogo freddo, di...
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *