Olio Evo e Lipidi: tra grassi buoni e cattivi!

L’Olio Extravergine di Oliva è una sostanza lipidica e come ogni lipide è costituito da trigliceridi. Questo permette all’Olio Evo di conservarsi più a lungo rispetto a qualsiasi altro tipo di olio. È composto da acidi grassi monoinsaturi che sono estremamente digeribili e aiutano a mantenere alto il livello di colesterolo buono (HDL). Scopriamo quanti lipidi contiene l’Olio Evo e come “usarli”!

Olio Extravergine di Oliva come fonte di Lipidi

Oggi nei Paesi più industrializzati l’alimentazione mediterranea è vista come un modello ideale da seguire costantemente. Ed è proprio l’Olio Evo che occupa un’importanza primaria perché è la principale fonte di lipidi, cioè la principale fonte di riserva che serve al nostro corpo per svolgere le normali funzioni vitali.

Un’ottima alimentazione dovrebbe apportare in modo bilanciato:

  • 58% dai carboidrati
  • 12% da proteine
  • 30% dai grassi

Rispetto a tutti i cibi che la dieta mediterranea consiglia di apportare al nostro organismo, l’Olio Extravergine di Oliva fornisce grassi nella forma migliore per il nostro corpo umano, cioè come grassi monoinsaturi.

Rispetto agli altri grassi animali e vegetali, l’Olio Evo apporta lipidi in modo molto più salutare; i grassi monoinsaturi permettono

  1. di garantire una serie di benefici per la salute del nostro corpo
  2. equilibrio tra colesterolo buono (HDL) e quello cattivo (LDL)
  3. fonte di vitamine e aiuto nella loro assimilazione
  4. acidi grassi altamente digeribili

L’Olio Evo è validissimo come grasso di cottura proprio perché questi grassi monoinsaturi resistono benissimo al calore anche ad alte temperature.

Lipidi: ecco come accostarci senza farci male!

I lipidi oltre a fungere da energia di riserva, hanno anche una funzione

  • Strutturale: costituite da membrane cellulari e guaine nervose
  • Regolatrice: promotori di ormoni fondamentali
  • di trasportatori di vitamine liposolubili: A, D, E, K

Perché proprio L’Olio Extravergine di Oliva?

  1. Il tasso elevato di acido oleico assicura la permeabilità esclusiva alle membrane cellulari e riduce l’accumulo di colesterolo cattivo nelle arterie. Ha un’azione protettiva contro il tumore al seno.
  2. Il rapporto tra omega-3 e omega-6 è compatibile con le esigenze dell’organismo umano. Assicura il giusto apporto della corretta quota lipidica individuale.
  3. I polifenoli hanno una funzione protettiva sia sull’olio stesso sia sulle sostanze presenti nelle cellule.
  4. Protegge la mucosa gastrica, facilita l’assorbimento delle vitamine liposolubili e previene le malattie dell’apparato gastro-intestinale.

Bisogna sempre scegliere anche tra i vari tipi di olio di oliva e l’unica soluzione possibile è l’Olio Extravergine di Oliva!

Sapevi che i Lipidi hanno questa grande importanza grazie all’Olio Evo?

 

A cura di Anna Angeloro.
Appassionata di scrittura, laureata in lettere e beni culturali.

Altri articoli che ti potrebbero interessare

Ecco perché l’Olio Evo favorisce l’assorbimento della Vitamina D In natura esistono degli alimenti in cui non è facile trovare elementi nutrizionali essenziali per la nostra salute, come la Vitamina D. Fonte di vita...
Olio Evo ottimo rimedio contro il grasso addominale! Il grasso addominale è uno degli incubi più comuni che colpisce tutti: uomini e donne indistintamente, che odiano essere sovrappeso. Ed è qui che entr...
Olio Extravergine di Oliva e Vitamina A: due facce della stessa medaglia! Alimento più utilizzato dagli italiani, nonché alimento cardine della dieta mediterranea è proprio l’Olio Extravergine di Oliva. Prodotto antichissimo...
Olio Evo aromatizzato al rosmarino? Ecco qualche consiglio! L’olio al rosmarino è perfetto da aggiungere a un bagno caldo per rilassare i muscoli doloranti o per regalarti una dose di vitalità. Può anche essere...
Olio di Oliva combatte la Rosacea in poche mosse! La rosacea è una patologia abbastanza diffusa in cui i vasi sanguigni si espandono e diventano visibili sulla pelle, specie nelle aree del viso. La pe...
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *