L’olio di cocco e l’olio di oliva hanno in comune moltissime proprietà benefiche: dalla protezione dalle malattie cardiovascolari, alla prevenzione dalle malattie neurodegenerative,  alla stimolazione del metabolismo e proprietà antibatteriche.
Scopri quali sono le differenze, il loro utilizzo e perché non dovresti sostituire l’olio di oliva con olio di cocco ma sfruttare l’azione congiunta dei loro benefici!

Olio di cocco: tutto quello che devi sapere

Come sostenuto dalla biologa Natalia Realini “l’olio di cocco è in realtà un grasso! E’ infatti solido a temperatura ambiente e costituito all’ 86.8% da grassi saturi. Sappiamo bene che un consumo elevato di grassi saturi di è alla base di molte patologie cardiovascolari, viene infatti consigliato di non superare il 10% delle calorie giornaliere sotto forma di grassi saturi: ciò significa meno di 20g al giorno per una donna e non più di 25 per un uomo, considerando fabbisogni energetici nella media”.

L’olio di cocco però, nonostante l’alto contenuto di grassi saturi, non fa male all’organismo: il 44% dei grassi saturi presenti nell’olio di cocco infatti sono detti “acidi grassi di media lunghezza” ed addirittura sarebbero un toccasana per chi soffre di:

  • problemi intestinali
  • malassorbimento di lipidi 
  • deficit di lipasi pancreatica o di sali biliari

L’olio di cocco è ottimo per:

  • migliorare lo stato cognitivo: uno studio dell’Università di Valencia ha dimostrato che 40 ml al giorno di olio di cocco extravergine migliora lo stato cognitivo dei pazienti affetti da Alzheimer
  • curare la dermatite Atopica
  • sportivi che hanno bisogno di energia, e che possono bruciarli velocemente!

Meglio olio di cocco o olio di oliva?

Sebbene olio di cocco e olio di oliva possano sembrare molto simili in quanto a benefici, le differenze sostanziali sono due:

  • L’olio di cocco contiene un’alta percentuale di acidi saturi che, anche se per il 44% sono salutari, conservano una componente negativa per il nostro organismo che causa l’innalzamento del colesterolo “cattivo”;
  • L’olio di cocco non è un prodotto italiano, né fa parte della dieta occidentale e mediterranea.

Perché preferire un prodotto straniero, seppur di qualità, quando noi per primi produciamo un prodotto di qualità superiore, l’olio extravergine di oliva?

In una sua intervista, il prof. Francesco Garritano ci parla nel dettaglio delle differenze tra olio di cocco e olio di oliva.

Saponette olio di cocco e olio di oliva homemade

Hai mai pensato di unire i benefici dell’olio di oliva a quelli dell’olio di cocco?

In questo video GustosaMente Vegan spiega come realizzare delle profumatissime saponette homemade e 100% naturali!

Prepararle è un gioco da ragazzi!

Ingredienti:

  • 750 g di olio extravergine di oliva
  • 200 gr di olio di cocco
  • 50 gr di olio di ricino
  • 300 gr acqua
  • 136 gr di soda caustica

E tu, quale olio preferisci?

A cura di Dajana Mangherini,
laureata in scienze della mediazione linguistica per il marketing, la pubblicità e le relazioni pubbliche.

Altri articoli che ti potrebbero interessare

Qual’è la differenza tra olio extravergine di oliva e olio lampante? Se i difetti qualitativi sono marcati e l’acidità supera il 2%, l’olio viene declassato come lampante e acquisisce la denigratoria etichetta che, prop...
Vendita diretta dell’olio EVO pugliese: perchè conviene? L’Olio Extravergine di Oliva Pugliese è un prodotto che nasce da oliveti che sorgono sulla terra dell’Alto Tavoliere di Puglia, terra che per tradizio...
Meglio l’olio di Argan o Extravergine di Oliva? Olio di Argan o Evo? Difficile scegliere, i due oli in questione sono infatti molto simili sia nella composizione che nei benefici. Scopri come utiliz...
L’Olio Evo diventa rosso? Ecco perché diffidarne! L'Olio Extravergine di Oliva è un bene prezioso per il nostro Paese sia dal punto di vista economico, sia perchè è uno degli alimenti più buono e indi...
Cosa è il punto di fumo dell’olio? Il punto di fumo indica il grado di temperatura in cui il grasso contenuto negli alimenti inizia a decomporsi. Per questo motivo è importante capire c...
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *