cosa si intende per olio biologico e come si produce?

Olio biologico: cos’è e quali sono gli standard di produzione?

Scegliere un olio extravergine biologico di origine 100% italiana significa sostenere i produttori locali, l’economia della tua terra, e soprattuto scegliere un prodotto sano e certificato. Ma cosa si intende per olio biologico e come viene prodotto?


Cosa si intende per olio biologico?

L’olio biologico, così come altri prodotti della filiera dell’agricoltura biologica, fa riferimento a metodi di produzione e coltivazione agricola che impiega solo sostanze naturali. L’uso di sostanze di sintesi chimica, come concimi, diserbanti, insetticidi, è severamente vietato poiché può causare gravi alterazioni dell’habitat naturale e congiuntamente possono influire negativamente sulla salubrità e genuinità degli alimenti.

Sostenere tale metodo produttivo per le aziende e i piccoli produttori significa sviluppare un modello di produzione che eviti lo sfruttamento eccessivo delle risorse naturali, facendo fede ad alcuni principi tecnici:

  • Esclusione di concimi, diserbanti, insetticidi e tutti i prodotti derivati dal petrolio
  • Utilizzo di piante resistenti e adattabili al territorio
  • Impiego di fertilizzanti a base organica al fine di migliorare le potenzialità del terreno
  • Protezione delle piante basata sulla prevenzione e sul rispetto dell’ambiente

I benefici generati dall’agricoltura biologica sono innumerevoli, e valgono tanto per la nostra terra, quanto per il consumatore.
Acquistare prodotti bio significa scegliere prodotti più sani e salutari per la tua salute, ma significa anche contribuire personalmente alla salvaguardia delle risorse del tuo pianeta.

Come si produce l’olio biologico?

Secondo il Regolamento CE 1019-2002, l’olio extravergine di oliva biologico si ottiene, così come per la produzione convenzionale, esclusivamente dalle olive e unicamente mediante procedimenti meccanici, ovvero attraverso la sola pressione delle olive, ciò è confermato anche dal regolamento (UE) n. 1169/2011 secondo il quale sull’etichetta di un olio extravergine di oliva è obbligatoria la seguente dicitura “olio d’oliva di categoria superiore ottenuto direttamente dalle olive e unicamente mediante procedimenti meccanici”. Non è prevista inoltre l’aggiunta di alcun additivo chimico.

processo produttivo olio biologicoEcco le fasi principali della lavorazione dell’olio extravergine di oliva biologico:

  • Raccolta: le olive vengono raccolte a partire dalla prima metà di ottobre fino alla fine di dicembre per mezzo di abbacchiatori, che attraverso la loro vibrazioni provocano la caduta delle olive sulle reti.
  • Frantoio: le olive raccolte vengono poi trasportate al frantoio dove avviene la vera lavorazione.
  • Scarico delle olive: le olive giunte in frantoio vengono poste all’interno delle pinze per la pesatura e la registrazione in appositi registri telematici di lavorazione e poi riversate in una tramoggia di carico.
  • Lavorazione: dalla tramoggia le olive entrano all’interno del frantoio mediante un nastro elevatore e convogliate fino alla lavatrice passando attraverso un defogliatore.
  • Frangitura e gramolazione: le olive giungono quindi in frangitori per la frantumazione, insieme della polpa e del nocciolo. Il risultato è la cosiddetta pasta olearia, che viene rimescolata grazie ad apposite eliche rotanti ogni 20-30 minuti, per 40-60 minuti, in assenza di ossigeno e ad una temperatura di circa 25 °C/ 27 °C. Proprio per via di questa temperatura controllata si può definire l’olio spremuto a freddo.
  • Estrazione: la pasta olearia viene immessa nel decanter o centrifuga, dove avviene la separazione dell’olio dall’acqua di vegetazione e dalla sansa, ovvero residui dell’oliva e frammenti del nocciolo. Questo processo di separazione avviene mediante una grande forza centrifuga mantenendo una temperatura costante che non supera i 25 °C. L’olio fuoriuscito dal decanter viene poi chiarificato mer mezzo di una centrifuga. Questo passaggio è fondamentale per eliminare la presenza di acqua e frammenti di polpa per garantire una migliore conservabilità dell’olio.

L’eccellenza delle caratteristiche organolettiche e nutrizionali ed il gusto inconfondibile dell’olio extravergine di oliva biologico fanno di questo prodotto un elemento fondamentale per la salute ed il benessere del nostro organismo. Scegliere un olio extravergine biologico di origine 100% italiana significa sostenere i produttori locali, l’economia della tua terra, e soprattuto scegliere un prodotto sano e certificato.

E tu quale olio consumi?
A cura di Dajana Mangherini, laureata in scienze della mediazione linguistica per il marketing, la pubblicità e le relazioni pubbliche.

Vuoi sentire il profumo dell'olio fresco appena franto?

Confezionato in frantoio per sentire l'intenso profumo di fresco. Sempre.
Olio Cristofaro: presente nella guida internazionale FLOS OLEI 2018. Classificato come uno dei migliori extravergine nel mondo

Altri articoli che ti potrebbero interessare

Perché coltivare le olive in biologico? L'olio biologico ottenuto secondo il "metodo di agricoltura biologico", è un prodotto proveniente unicamente da olive coltivate senza l'impiego di pro...
Olio Extravergine Biologico: quello richiesto dai consumatori Oggi i consumatori di olio sono rappresentati da una nicchia sempre più esigente. Sono alla ricerca del qualità, ma al tempo stesso prestano attenzion...
Olio extravergine d’oliva biologico: alimento indispensabile per neonati e bambini L’olio extravergine di oliva biologico non è solo un condimento delizioso ma un vero e proprio alimento, fondamentale per la corretta alimentazione d...
Cerchi olio biologico? Ecco alcuni consigli per un acquisto sicuro! Molti consumatori credono ingenuamente che il giusto metodo per stimare il prezzo medio dell’olio biologico sia camminare tra le corsie dei supermerca...
Il “marketing-mix” dell’olio extra vergine di oliva da agricoltura biolo... La struttura produttiva del comparto olio d'oliva, è caratterizzata da un certo grado di instabilità, generata principalmente da alcuni fattori come i...
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *