L’olio è l’alimento più utilizzato in cucina da millenni, senza di esso sarebbe quasi impossibile gustare i cibi della nostra tavola. Ma quante calorie possiede l’olio extra vergine?

Quando parliamo di olio non possiamo non pensare alla dieta mediterranea e, quando parliamo di dieta sana, il sud Italia è in vetta alle classiche europee e mondiali. L’olio extravergine d’oliva è l’ingrediente indispensabile per quasi tutte le ricette.

Valori nutrizionali e calorie dell’olio extravergine d’oliva

Incosapevolmente, quando si gustano i piatti della cucina mediterranea si introducono nell’organismo sostanze salutari come l’olio extra vergine d’oliva, oltre alle calorie che naturalmente lo contraddistinguono. Viene aggiunto nelle diete ed usato come alimento o meglio condimento, per apportare molteplici benefici, sempre però nelle quantità giuste. Ma per iniziare ad elencare le sue tante caratteristiche e proprietà è bene sapere che un buon olio deve essere prodotto nel migliore dei modi. Quindi, tutti i processi di lavorazione come il raccolto, la molitura, lo stoccaggio, dovranno essere eseguiti a regola d’arte, senza alterazioni chimiche. L’olio extravergine d’oliva quindi dovrà essere naturale per offrire proprietà organolettriche, oltre ad alti valori nutrizionali. Ad esempio, può vantare la presenza di polifenoli che sono importantissimi contro i radicali liberi, ha di solito una bassa acidità, e fortunatamente per i buongustai deve mantenere sempre un ottimo sapore.

A questo punto, si può affermare che l’olio extravergine d’oliva se messo in relazione con altre sostanze grasse possiede basse calorie. Ecco perché viene usato nelle diete ed è salutare. Infatti, per coloro che devono affrontare una dieta con poche calorie, l’olio extravergine di oliva è l’ideale, in quanto non ingrassa, e migliora il metabolismo. Se si parla di grassi alimentari, è bene distinguere i grassi saturi da quelli insaturi. L’olio extravergine d’oliva in effetti è composto da soli grassi insaturi e più precisamente: acido oleico, linoleico e linolenico, oltre ad acidi essenziali e vitamine A, D, E, K e costituenti fenolici, con evidenti proprietà antiossidanti e protettive. Alla fine, 100 grammi di olio extravergine d’oliva corrispondono a 900 calorie. In poche parole, è buono e fa bene, ma senza esagerare. In effetti la dose massima consigliata è di tre cucchiai al giorno.

L’olio è il vero protagonista della buona cucina italiana. E’ indicato nelle diete ed è consigliato da medici e nutrizionisti in quanto portatore di una serie di benefici. Un buon olio per essere tale deve essere sottoposto ad una serie di controlli, in tutte le sue fasi di lavorazione, dal raccolto, alla molitura allo stoccaggio ed infine all’imbottigliamento. Quindi, le migliori aziende sono quelle che seguono passo dopo passo questi processi e sono attente, scrupolose e pronte per garantire un ottimo olio extravergine.

L’acidità dell’olio extravergine di oliva è espresso in acidi grassi liberi di acido oleico (C 18:1); dal punto di vista legislativo alimentare, un olio EVO non deve superare lo 0,8% di C 18:1 libero. Proprietà organolettiche e gustative danno all’olio dei valori nutrizionali fondamentali per una sana dieta. Si presenta con un alto contenuto di polifenoli, importante per combattere i radicali liberi, ha una bassissima acidità, ha un colore giallo oro e risulta molto raffinato al palato. L’acido oleico è fondamentale in quanto libera le arterie dal colesterolo cattivo, favorendo quello buono.

Ecco una tabella che riporta le calorie e il contenuto di grassi presenti nell’olio extra vergine:

tabella-calorie-olio-extra-vergine

Quante calorie ha un cucchiaio d’olio extravergine d’oliva?

Sempre in tema di calorie, non tutte le sostanze grasse fanno male se assunte nella giusta misura. Basta pensare a quello che può fare un solo cucchiaio di olio extravergine d’oliva se assunto regolarmente:

Ecco che allora le 110 calorie contenute in un cucchiaio da tavola di olio extra vergine d’oliva non influiscono tanto se si pensa alle sue numerose caratteristiche e proprietà. In definitiva, tanta energia per un solo cucchiaio di olio e nessun carboidrato o zucchero o colesterolo o sodio.

Tra calorie e benefici: un vademecum all’Olio di Oliva

L’olio di oliva è il più presente sulle tavole italiane. È il principe di tutti i condimenti. Ricco di calorie, ne contiene 900 per 100gr.

La composizione dell’olio di oliva è costituita da vitamine e sostanze con importanti proprietà nutritive che ne conferiscono la sua natura antiossidante. Tra questi:

  • Tocoferoli, che contengono Vitamina E
  • Steroli
  • Polifenoli
  • Pigmenti come: carotenoidi e clorofille

L’olio di oliva è costituto da acidi grassi. Il 75% di questi sono insaturi e il più abbondante è l’acido oleicola cui quantità deve necessariamente essere tra il 55% e l’88% totale dei grassi presenti nell’olio.

Questi aspetti fanno dell’olio extravergine di oliva un alleato in tutti i fronti. La scienza si è sempre interessata allo studio e all’approfondimento di tutti i benefici che l’olio apporta al nostro corpo.

Eccone i primi 10:

  1. E’ ottimo e fa bene come il latte materno: l’olio di oliva contiene omega 3 ed omega 6 che lo rendono uno dei grassi più simili al latte materno. Sono entrambi presenti nella dieta mediterranea diventandone quasi il simbolo.
  2. Combatte il diabete: diversi sono stati gli studi condotti da ricercatori e nello specifico uno studio condotto dall’Università di Napoli ha rivelato come consumare l’olio Evo aiuta a combattere il diabete e a proteggere il fegato. Il quantitativo indicato dai ricercatori è pari a circa 4-5 cucchiai di olio al giorno.
  3. Riduce il rischio di sviluppare il cancro al seno: l’olio di oliva presenta proprietà antitumorali con particolare attenzione al cancro al seno e quindi ad un minor rischio di sviluppo di questa malattia.
  4. Previene l’Alzheimer: uno studio condotto dall’Università di Firenze ha affermato, tramite numerosi studi, come l’olio di oliva previene l’invecchiamento delle cellule e lo sviluppo di malattie degenerative. Tutti gli effetti positivi vengo attribuiti proprio dal numeroso quantitativo di antiossidanti presenti.
  5. Previene i tumori: l’alto livello di polifenoli, tramite studi, aiuta il nostro organismo a combattere le cellule “cattive” per far sì che il nostro organismo si mantieni sempre in salute grazie alla presenza di queste sostanze nutraceutiche.
  6. Previene il tumore al colon: studi dimostrano come il cibo è in grado di agire sui nostri geni tanto da creare modificazioni importanti al nostro corpo. Anche l’olio di oliva è importantissimo per la prevenzione del tumore al colon grazie ai suoi numerosi e veritieri benefici.
  7. Protegge cuore e arterie: l’olio di oliva protegge anche cuore e arterie! Uno studio condotto dall’Università La Sapienza di Roma, si è potuto constatare che chi aveva assunto Olio Evo poteva vantare livelli molto bassi colesterolo LDL e di glucosio (ecco perché l’olio di oliva combatte il diabete), rispetto a tutti quelli che non ne avevano fatto uso.
  8. Diminuisce il rischio di ictus: uno studio condotto dall’università di Bordeaux ha riscontrato come, tutti coloro che avevano assunto olio di oliva come condimento frequente, vedevano il pericolo di essere colpiti da ictus abbassarsi a circa il 41% rispetto a tutti coloro che non ne hanno fatto un uso così frequente.
  9. Prolunga il senso di sazietà: nell’olio di oliva sono presenti molecole aromatiche che stimolano il senso di sazietà. Questa azione non si limita solo all’olfatto ma continuerebbe durante tutta la digestione. Ecco perché usare olio evo come condimento per chi vuole mantenere la linea è consigliato!
  10. Ricco di antiossidanti: tra le sostanze antiossidanti presenti nell’olio abbiamo i polifenoli e i tocoferoli. Contengono un elevato potere antiossidante tanto da prevenire malattie vascolari e tumori oltre ad avere un’azione antinfiammatoria e antibatterica

Quindi, per condire una bella insalata fresca di stagione ecco che un filo di olio extravergine di oliva non dona soltanto un ottimo sapore, ma anche un briciolo di salute in più.

A cura di Anna Angeloro.
Appassionata di scrittura, laureata in lettere e beni culturali.

2 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *