Quante calorie possiede l’olio extravergine d’oliva?

L’olio è l’alimento più utilizzato in cucina da millenni, senza di esso sarebbe quasi impossibile gustare i cibi della nostra tavola. Ma quante calorie possiede l’olio extra vergine?

Vuoi sentire il profumo dell'olio fresco appena franto? Lo riceverai 24-48 ore dopo la spremitura in frantoio. Introvabile!

Quando parliamo di olio non possiamo non pensare alla dieta mediterranea e, quando parliamo di dieta sana, il sud Italia è in vetta alle classiche europee e mondiali. L’olio extravergine d’oliva è l’ingrediente indispensabile per quasi tutte le ricette.

Valori nutrizionali e calorie dell’olio extravergine d’oliva

Incosapevolmente, quando si gustano i piatti della cucina mediterranea si introducono nell’organismo sostanze salutari come l’olio extra vergine d’oliva, oltre alle calorie che naturalmente lo contraddistinguono. Viene aggiunto nelle diete ed usato come alimento o meglio condimento, per apportare molteplici benefici, sempre però nelle quantità giuste. Ma per iniziare ad elencare le sue tante caratteristiche e proprietà è bene sapere che un buon olio deve essere prodotto nel migliore dei modi. Quindi, tutti i processi di lavorazione come il raccolto, la molitura, lo stoccaggio, dovranno essere eseguiti a regola d’arte, senza alterazioni chimiche. L’olio extravergine d’oliva quindi dovrà essere naturale per offrire proprietà organolettriche, oltre ad alti valori nutrizionali. Ad esempio, può vantare la presenza di polifenoli che sono importantissimi contro i radicali liberi, ha di solito una bassa acidità, e fortunatamente per i buongustai deve mantenere sempre un ottimo sapore.

A questo punto, si può affermare che l’olio extravergine d’oliva se messo in relazione con altre sostanze grasse possiede basse calorie. Ecco perché viene usato nelle diete ed è salutare. Infatti, per coloro che devono affrontare una dieta con poche calorie, l’olio extravergine di oliva è l’ideale, in quanto non ingrassa, e migliora il metabolismo. Se si parla di grassi alimentari, è bene distinguere i grassi saturi da quelli insaturi. L’olio extravergine d’oliva in effetti è composto da soli grassi insaturi e più precisamente: acido oleico, linoleico e linolenico, oltre ad acidi essenziali e vitamine A, D, E, K e costituenti fenolici, con evidenti proprietà antiossidanti e protettive. Alla fine, 100 grammi di olio extravergine d’oliva corrispondono a 900 calorie. In poche parole, è buono e fa bene, ma senza esagerare. In effetti la dose massima consigliata è di tre cucchiai al giorno.

L’olio è il vero protagonista della buona cucina italiana. E’ indicato nelle diete ed è consigliato da medici e nutrizionisti in quanto portatore di una serie di benefici. Un buon olio per essere tale deve essere sottoposto ad una serie di controlli, in tutte le sue fasi di lavorazione, dal raccolto, alla molitura allo stoccaggio ed infine all’imbottigliamento. Quindi, le migliori aziende sono quelle che seguono passo dopo passo questi processi e sono attente, scrupolose e pronte per garantire un ottimo olio extravergine.

Il PH dell’olio extravergine di oliva è fondamentale, infatti, è la caratteristica che lo contraddistingue dagli altri presenti sul mercato. Il pH dell’olio extravergine di oliva è espresso in acidi grassi liberi di acido oleico (C 18:1); dal punto di vista legislativo alimentare, un olio EVO non deve superare lo 0,8% di C 18:1 libero. Il ph insieme alle proprietà organolettiche e gustative danno all’olio dei valori nutrizionali fondamentali per una sana dieta. Si presenta con un alto contenuto di polifenoli, importante per combattere i radicali liberi, ha una bassissima acidità, ha un colore giallo oro e risulta molto raffinato al palato. L’acido oleico è elevato e questo è fondamentale in quanto libera le arterie dal colesterolo cattivo, favorendo quello buono.

L’olio extravergine d’oliva, dunque, possiede alti valori nutrizionali e basse calorie rispetto ad altri grassi normalmente usati in cucina. Rappresenta un alimento veramente indispensabile per la salute e può tranquillamente essere utilizzato anche da chi necessita di seguire una dieta a basso contenuto calorico per controllare il proprio peso corporeo. Infatti l’olio extravergine d’oliva migliora il metabolismo e non causa l’aumento di peso.

Ecco una tabella che riporta le calorie e il contenuto di grassi presenti nell’olio extra vergine:

tabella-calorie-olio-extra-vergine

Quante calorie ha un cucchiaio d’olio extravergine d’oliva?

Sempre in tema di calorie, non tutte le sostanze grasse fanno male se assunte nella giusta misura. Basta pensare a quello che può fare un solo cucchiaio di olio extravergine d’oliva se assunto regolarmente:

Ecco che allora le 110 calorie contenute in un cucchiaio da tavola di olio extra vergine d’oliva non influiscono tanto se si pensa alle sue numerose caratteristiche e proprietà. In definitiva, tanta energia per un solo cucchiaio di olio e nessun carboidrato o zucchero o colesterolo o sodio.

Quindi, per condire una bella insalata fresca di stagione ecco che un filo di olio extravergine di oliva non dona soltanto un ottimo sapore, ma anche un briciolo di salute in più.

Altri articoli che ti potrebbero interessare

L’Olio Extravergine d’Oliva ha una scadenza? L'Olio Extra Vergine ha un tempo minimo di conservazione, ovvero un periodo di tempo nel quale le sue proprietà organolettiche, che sono quelle da cui...
Olio di oliva: alimento ricco di vitamina k L'olio di oliva è un prezioso alleato per la salute grazie all'elevato apporto di vitamine e in particolare di vitamina K. Ma vediamo quali sono le vi...
La raccolta delle olive: dal periodo di raccolta ai sistemi meccanici utilizzati La raccolta delle olive tiene conto del grado di maturazione del frutto, ovvero dell'evoluzione fisiologica, fisica e chimica, di tutti i suoi compone...
Sapevi perché l’olio di oliva ha effetti benefici per la salute? Il consumatore presta maggiore attenzione ai prodotti alimentari, in particolare all'olio consumato a tavola. Questo perchè le loro conseguenze posson...
Olio di oliva: elemento essenziale per l’alimentazione dei neonati La fase dello svezzamento per un neonato è molto importante perché deve abituarsi ai sapori degli adulti e il suo organismo ancora in via di sviluppo ...
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *